#20 Dove c'è molta luce l'ombra è più nera

08:54 Ludovica De Joannon 0 Comments

A volte si ha come la sensazione che tutto stia per crollare: certezze,convinzioni,sogni .

Una barchetta dondola vertiginosamente in preda alle onde di un mare in tempesta  che, nella loro folle danza, la trascinano con violenza sott'acqua, spezzandone  in legno, le vele, conducendola laddove sfugge il controllo di ogni cosa, di ogni ragionevole pensiero.

A volte ci si sente così fragili che ogni cosa pare dilatarsi in ombre minacciose, dense di punti interrogativi e di tremori, di dubbi e di paure. Le vedi, quelle spesse nuvole cariche d'inchiostro che incombono su quella minuscola barchetta, circondandola con grandi braccia ventose e sospiri umidi.

E poi succede che un timido raggio di sole si fa spazio in quello scenario di solitudine  e le restituisce quel calore che sentiva lontano, quel modo tutto particolare di osservare le cose, con curiosità ed interesse ed una certa voglia di condivisione.
Il vento cessa di ululare e il mare sembra piangere mentre si frammenta in piccole onde dal tocco gentile, dal tocco doloroso.
Tutto sembra esser tornato alla normalità.

Il problema è che, a questo punto, la normalità non ha più contorno, non è più definita. Pare confondersi con il paesaggio,  acqua e cielo, nuvole e salmastra schiuma bianca.
I colori si fondono e le emozioni vengono amplificate.
E le senti dieci, cento, mille volte di più e ti chiedi come hai fatto, fino a quel momento, a viaggiare in un'unica direzione, con la paura di curvare, tornare indietro, fare a zig zag.

E la barchetta è pervasa da uno spirito nuovo, avventuriero, insaziabile, forte.
I pezzi vengono assemblati da una mano amica, da una parola di conforto, da una promessa che, chissà, forse verrà mantenuta  e tutto ricomincia ma qualcosa è cambiato.

E l'orizzonte, quella linea parallela, quella sfida quotidiana, quella percezione di infinito, sarà ancora più distante ma, allo stesso tempo, sempre più vicino.

Perché non sarà più un traguardo ma un punto di partenza.

0 commenti: