#28 Everything is bigger in Texas

07:16 Ludovica De Joannon 0 Comments


Dicono che in Texas tutto sia più grande.

Le strade, le macchine, le bevande, i cappelli, gli insetti, le porzioni, i negozi, il caffè, le cinture, i crocifissi.

Dicono che in Texas tutto sia più grande;

lo affermano con un certo orgoglio, un pizzico di arroganza.  Glielo leggi negli occhi, l’amore per il loro stato, la chiusura verso gli altri, la convinzione che aldilà di quei confini il mondo sia plasmato a loro immagine.

Dicono che in Texas tutto sia più grande;

e come puoi dargli torto quando, in una notte d’agosto, seduta dietro un furgone, con il vento  contro, i capelli che danzano al ritmo della sua musica, le gambe stese su un tappetto di fieno,  ti guardi intorno, tentando di catturare il paesaggio, il momento, l’emozione con gli occhi e li vedi, i campi che scivolano via, tu che scivoli via, gli alberi che si confondono intorno a te sfumando i confini di una realtà che è ancora sogno. La tua anima non è sazia, i tuoi occhi cercano altro ed è allora che guardi su, in alto, in una notte d’estate con il vento contro, seduta dietro un furgone con le gambe stese su un tappeto di fieno.

Dicono che in Texas tutto sia più grande;

e quando lo dicono hanno ragione. Te ne rendi conto quando il tuo sguardo non riesce a catturare tutte le stelle, a rilevarne la profondità,  a capacitarsi della loro luminosità. Quando resti a bocca aperta perché non hai mai visto nulla del genere. Quando ti sorprendi a ridere e, inaspettatamente, tutte le paure abbandonano la tua mente, e i tremori il tuo corpo, la nostalgia il tuo cuore.

Dicono che in Texas tutto sia più grande;

e pensandoci mi verrebbe da replicare:

niente è più grande,

cittadino del mondo,

semplicemente è,

perché sono qui.
 
 
 
Buon Ferragosto Italia. Oggi, come ieri, il mio pensiero è rivolto a te.

 

 

 

0 commenti: